Go to content

Home | Fiction

Fiction

Martedì 5 Novembre Teatro Sanbàpolis Trento ore 20.00

 

IL VEGETARIANO
regia: Roberto San Pietro
musica: Marco Biscarini
produzione: Apapaja,
con il contributo del MiBAC,
con il sostegno di Emilia-Romagna Film Commission
paese: Italia - anno: 2019 - durata: 110’
lingua: italiano

IL VEGETARIANO

regia: Roberto San Pietro musica: Marco Biscarini produzione: Apapaja, con il contributo del MiBAC, con il sostegno di Emilia-Romagna Film Commission
paese: Italia - anno: 2019 - durata: 110’ lingua: italiano

 

 

 

La campagna emiliana bagnata dal fiume Po è terra di forte immigrazione
indiana.
Qui Krishna, figlio di un brahmino, lavora come mungitore in un
piccolo allevamento di mucche da latte. Krishna ha un buon rapporto
con la gente del posto, anche se a volte ricordi, tradizioni e
convinzioni personali lo fanno sentire poco in sintonia con l’ambiente
che lo circonda. Quando la sua vita sembra comunque
indirizzarsi verso la felicità, il rifiuto di accettare la macellazione
degli animali improduttivi, dovuto alla sua cultura, spinge Krishna
a scelte estreme, con drammatiche conseguenze.
Al termine della proiezione la giornalista Floriana Bulfon
intervisterà Roberto San Pietro, regista del film
e Marco Omizzolo, sociologo e giornalista.

La campagna emiliana bagnata dal fiume Po è terra di forte immigrazione indiana.

Qui Krishna, figlio di un brahmino, lavora come mungitore in un piccolo allevamento di mucche da latte. Krishna ha un buon rapporto con la gente del posto, anche se a volte ricordi, tradizioni e convinzioni personali lo fanno sentire poco in sintonia con l’ambiente che lo circonda.

Quando la sua vita sembra comunque indirizzarsi verso la felicità, il rifiuto di accettare la macellazione degli animali improduttivi, dovuto alla sua cultura, spinge Krishna a scelte estreme, con drammatiche conseguenze.

Al termine della proiezione la giornalista Floriana Bulfon intervisterà Roberto San Pietro, regista del film e Marco Omizzolo, sociologo e giornalista.

GIOVEDI' 14 NOVEMBRE Cinema Astra ore 21.00

 

Candidato all’Oscar 2020
come Miglior Lungometraggio di Animazione
FUNAN
regia: Denis Do
produzione: Sèbastien Onomo
musica: Thibault Kientz Agyeman
paese: Cambogia, Francia, Belgio, Lussemburgo
- durata: 86’
lingua: francese, inglese
sottotitoli: italiano
con le voci di: Bérénice Bejo, Louis Garrel

Candidato all’Oscar 2020 come Miglior Lungometraggio di Animazione

FUNAN

regia:Denis Do produzione:Sèbastien Onomo musica:Thibault Kientz Agyeman
paese: Cambogia, Francia, Belgio, Lussemburgo- durata: 86’
lingua: francese, inglese con le voci di: Bérénice Bejo, Louis Garrel sottotitoli: italiano 

 

Cambogia, 1975. Il partito degli Khmer
Rossi - nati come costola dell’esercito
popolare del Vietnam del Nord - prende
brutalmente il potere nel paese, evacuando
le città ritenute “corrotte” e costringendo i cittadini a
riorganizzarsi nelle campagne, nel nome di una furia purificatrice
che mira all’autosufficienza politica, economica e sanitaria
del paese.
Tra i tanti deportati ci sono anche
i giovani Chou e Khoun, che
durante la fuga dalla città di
Phnom Penh vengono separati
dal figlio Sovanh.

Cambogia, 1975. Il partito degli Khmer Rossi - nati come costola dell’esercito popolare del Vietnam del Nord - prende brutalmente il potere nel paese, evacuando le città ritenute “corrotte” e costringendo i cittadini a riorganizzarsi nelle campagne, nel nome di una furia purificatrice che mira all’autosufficienza politica, economica e sanitaria del paese.

Tra i tanti deportati ci sono anche i giovani Chou e Khoun, che durante la fuga dalla città di Phnom Penh vengono separati dal figlio Sovanh.

DOMENICA 17 NOVEMBRE Cinema Astra ore 10.30

 

IL CORPO DELLA SPOSA -
FLESH OUT
regia: Michela Occhipinti
produzione: Vivo film con Rai Cinema
paesi: Mauritania - durata: 94’
lingua: arabo - sottotitoli: italiano
Ambientato in un’inedita Mauritania, Il
corpo della sposa – Flesh out racconta la
storia di Verida (l’esordiente Verida Beitta
Ahmed Deiche), una ragazza moderna
che lavora in un salone di bellezza, frequenta
i social network, si diverte con le
amiche.

IL CORPO DELLA SPOSA
FLESH OUT

regia: Michela Occhipinti produzione: Vivo film con Rai Cinema
paesi: Mauritania - durata: 94’ lingua:arabo - sottotitoli:italiano

Ambientato in un’inedita Mauritania, Il corpo della sposa – Flesh out racconta la storia di Verida (l’esordiente Verida Beitta Ahmed Deiche), una ragazza moderna che lavora in un salone di bellezza, frequenta i social network, si diverte con le amiche.

 

Quando la famiglia sceglie per lei
un futuro sposo, Verida – come molte sue
coetanee – si vede costretta a prendere
peso affrontando il “gavage”, per raggiungere
l’ideale di bellezza e lo status
sociale che la tradizione del suo Paese le
impone. Mentre il matrimonio si avvicina a grandi passi, pasto
dopo pasto, Verida mette in discussione tutto ciò che ha sempre
dato per scontato: i suoi cari, il suo modo di vivere e – non ultimo
– il suo stesso corpo.

Quando la famiglia sceglie per lei un futuro sposo, Verida – come molte sue coetanee – si vede costretta a prendere peso affrontando il “gavage”, per raggiungere l’ideale di bellezza e lo status sociale che la tradizione del suo Paese le impone.

Mentre il matrimonio si avvicina a grandi passi, pasto dopo pasto, Verida mette in discussione tutto ciò che ha sempre dato per scontato: i suoi cari, il suo modo di vivere e – non ultimo– il suo stesso corpo.

LUNEDI' 18 NOVEMBRE Auditorium Melotti ore 20.30

 

BLINDED BY THE LIGHT
TRAVOLTO DALLA MUSICA
regia: Gurinder Chadha
produzione: Bend It Films, Levantine Films, Rakija Films
musiche: A. R. Rahman
anno: 2019 - durata: 118’ - doppiato in italiano
Ispirato e scandito dalla musica e dai testi delle canzoni senza
tempo di Bruce Springsteen, Blinded by the Light – Travolto dalla
musica è una gioiosa storia di coraggio, amore, speranza, famiglia
e della capacità unica della musica nell’elevare lo spirito umano.

BLINDED BY THE LIGHT
TRAVOLTO DALLA MUSICA

regia: Gurinder Chadha produzione: Bend It Films, Levantine Films, Rakija Films musiche: A. R. Rahman anno: 2019 - durata: 118’ - doppiato in italiano

Ispirato e scandito dalla musica e dai testi delle canzoni senza tempo di Bruce Springsteen, Blinded by the Light – Travolto dalla musica è una gioiosa storia di coraggio, amore, speranza, famiglia e della capacità unica della musica nell’elevare lo spirito umano.

 

Il film racconta la storia di Javed (Viveik Kalra), adolescente britannico
di discendenza pakistana che vive nella città di Luton, Inghilterra,
nel 1987. Nel mezzo dei tumulti razziali ed economici dell’epoca,
scrive poesie come mezzo per sfuggire all’intolleranza della
sua città e all’inflessibilità tradizionalista di suo padre. Ma quando
un suo compagno di classe gli fa conoscere la musica del “Boss”,
Javed scopre dei parallelismi con la sua vita da classe operaia nei
potenti testi di Springsteen. Mentre Javed scopre una via d’uscita
catartica ai suoi sogni repressi, comincia anche a trovare il coraggio
di esprimersi con la sua voce unica.
Ispirato a una storia vera, basata sulle fortunate memorie di
Sarfraz Manzoor, Greetings from Bury Park: Race, Religion and
Rock’n’Roll.

Il film racconta la storia di Javed (Viveik Kalra), adolescente britannico di discendenza pakistana che vive nella città di Luton, Inghilterra, nel 1987. Nel mezzo dei tumulti razziali ed economici dell’epoca, scrive poesie come mezzo per sfuggire all’intolleranza della sua città e all’inflessibilità tradizionalista di suo padre.

Ma quando un suo compagno di classe gli fa conoscere la musica del “Boss”, Javed scopre dei parallelismi con la sua vita da classe operaia nei potenti testi di Springsteen.

Mentre Javed scopre una via d’uscita catartica ai suoi sogni repressi, comincia anche a trovare il coraggio di esprimersi con la sua voce unica.

Ispirato a una storia vera, basata sulle fortunate memorie di Sarfraz Manzoor, Greetings from Bury Park: Race, Religion and Rock’n’Roll.

GIOVEDI' 21 NOVEMBRE Cinema Astra ore 21.00

 

Film candidato all’Oscar 2020 dal Sudafrica
come Miglior film Straniero
Sew the Winter
to My Skin
regia: Jahmil X.T. Qubeka
produzione: Yellowbone Entertainment
distribuzione: Rushlake Media GmbH, Philipp Hoffmann info@rushlake-media.com
musica: Barry Donnelly, Lucky Mkontwana, Charl Mostert, Shaun Murdoch
durata: 131’
versione originale: afrikaans, xhosa, inglese - sottotitoli: italiano

Film candidato all’Oscar 2020 dal Sudafrica come Miglior film Straniero

SEW THE WINTER TO MY SKIN

regia: Jahmil X.T. Qubeka produzione: Yellowbone Entertainment distribuzione: Rushlake Media GmbH, Philipp Hoffmann musica: Barry Donnelly, Lucky Mkontwana, Charl Mostert, Shaun Murdoch
durata: 131’
versione originale: afrikaans, xhosa, inglese - sottotitoli: italiano

 

Il regista ha rivisitato la leggenda
nera sudafricana di John Kepe in
un sontuoso thriller in stile western,
un film epico ambientato
negli anni ’50 del Sudafrica preapartheid.
Noto come il Sansone del Boschberg,
questo eroe ribelle dei neri
emarginati terrorizzava con le
sue incursioni le fattorie dei
bianchi ed è diventato un mito
nei racconti popolari.

Il regista ha rivisitato la leggenda nera sudafricana di John Kepe in un sontuoso thriller in stile western, un film epico ambientato negli anni ’50 del Sudafrica preapartheid.

Noto come il Sansone del Boschberg, questo eroe ribelle dei neri emarginati terrorizzava con le sue incursioni le fattorie dei bianchi ed è diventato un mito nei racconti popolari.

SABATO 23 NOVEMBRE Teatro Sanbàpolis ore 20.00

 

ST YX
regia: Wolfgang Fischer
produttore: Marcos Kantis, Martin Lehwald, Schiwago Film, Amour Fou
paesi: Germania, Austria - anno 2018 - durata: 94’
lingua: inglese - sottotitoli: italiano
Colonia: pochi secondi dopo un incidente
stradale, il ferito è tratto in
salvo, circondato di macchine e
soccorsi, esempio perfetto dell’Occidente
capitalista, efficiente e garantito.
Il medico dell’ambulanza è Rike.

STYX

regia:Wolfgang Fischer produttore: Marcos Kantis, Martin Lehwald, Schiwago Film, Amour Fou
paesi:Germania, Austria - anno 2018 - durata: 94’
lingua: inglese - sottotitoli: italiano

Colonia: pochi secondi dopo un incidente stradale, il ferito è tratto in salvo, circondato di macchine e soccorsi, esempio perfetto dell’Occidente capitalista, efficiente e garantito.
Il medico dell’ambulanza è Rike.

 

Con uno stacco repentino, Rike,
quarantenne, appassionata velista
(interpretata da Susanne Wolff, essa
stessa con patentino internazionale
di velista), parte, solitaria, da Gibilterra
- dove le scimmie (le “bertucce
di Gibilterra”, simbolo della colonia)
si aggirano in un apparentemente
simbiotico rapporto fra natura e
cultura - con la sua barca modernissima
e attrezzatissima alla volta dell’isola di Ascensione, un
paradiso in terra in mezzo all’Oceano Atlantico, fra l’Africa e il
Sudamerica.
Nei momenti di bonaccia sfoglia un sontuoso volume illustrato
che le mostra in anteprima quel che vedrà con i suoi occhi. Anche
in situazioni estreme si sa destreggiare con grande perizia,
neanche una tempesta di quelle forza 9 le fa perdere il control

Con uno stacco repentino, Rike, quarantenne, appassionata velista (interpretata da Susanne Wolff, essa stessa con patentino internazionale di velista), parte, solitaria, da Gibilterra- dove le scimmie (le “bertucce di Gibilterra”, simbolo della colonia) si aggirano in un apparentemente simbiotico rapporto fra natura e cultura - con la sua barca modernissima e attrezzatissima alla volta dell’isola di Ascensione, un paradiso in terra in mezzo all’Oceano Atlantico, fra l’Africa e il Sudamerica.

Nei momenti di bonaccia sfoglia un sontuoso volume illustrato che le mostra in anteprima quel che vedrà con i suoi occhi. Anche in situazioni estreme si sa destreggiare con grande perizia, neanche una tempesta di quelle forza 9 le fa perdere il controllo, la macchina da presa le gira intorno, da ogni possibile posizione la tallona e lei è sempre padrona del piccolo mondo della barca, del grande mondo dell’oceano.

Dopo una tempesta si trova non lontano da un battello alla deriva pieno di persone che hanno urgente bisogno di aiuto…

Dopo reiterati “S.O.S.”, la guardia costiera ordina a Rike di non immischiarsi perché non ha i mezzi per essere d’aiuto, ma il suo senso di responsabilità la tormenta. Se ne andrà sapendo che delle persone perderanno la vita in mare?

Al termine “LA LEGGE DEL MARE” con Annalisa Camilli, giornalista di INTERNAZIONALE  che dialogherà con la giornalista Maddalena Di Tolla.