Go to content

Home | Cortometraggi: sezione Corti d’evasione

Cortometraggi: sezione Corti d’evasione

VIGIA

“Mio nonno mi racconta una storia che si è inventato e mi chiede di trasformarla in film”. Il nonno racconta al regista la storiella di un’ape che, a causa dell’inquinamento ,dei pesticidi e delle altre sostanze tossiche che stanno distruggendo la sua specie e non solo,decide di lasciare il suo alveare e di cercare un luogo più piacevole in cui vivere. Regia: Marcel Barelli Produzione: Nadasdy Film/RSI/Foliascope Paese: Svizzera Anno: 2013 Lingua: italiano, dialetto ticinese Sottotitoli: inglese Durata: 8’ Musiche: Pilon studion son

VIGIA « My grandfather is telling me a story that he invented, and asks me to make a film out of it. Because of pol¬lution, pesticides, and other toxic substances, a bee decides to leave her hive, looking for a more comfortable place for her to live in. »

THE CALL

Al fine di arrestare la resistenza curda negli anni 1980 e 1990, l'esercito turco distrusse e cancellò migliaia di villaggi curdi. Mandati via dalle proprie terre dalle autorità turche, Habib e la sua famiglia hanno vissuto ad Istanbul per 25 anni. Sette anni fa Habib è ritornato al villaggio Curdo dove è nato: Bakolini, nella Turchia orientale. La moglie e i figli non sono voluti andare con lui e sono rimasti ad Istanbul. Al suo ritorno nel suo paese di origine Habib perde i contatti con i suoi figli tranne che con suo figlio Ramazan. Riuscirà Habib a convincerlo a ritornare al loro villaggio?

Regia: Reber Dosky Produzione: Steven Rubinstein Malamud & vera Frohn Paese: Paesi Bassi Anno: 2013 Lingua: Kurdish/ Turkish Sottotitoli: inglese ,italiano Durata: 25’ Musiche: Wouter van Bemmel THE CALL In order to stop the Kurdish resistance in the 1980’s and 1990’s, the Turkish army destroyed and cleared thousands of Kurdish villages. Driven off their land by the Turkish authorities, Habib and his family have lived in Istanbul for 25 years. Seven years ago Habib returned to the Kurdish village where he was born: Bakolini in Eastern Turkey. His wife and children did not want to go and stayed in Istanbul. On his return to his beloved village Habib missed his children. He only had contact with his son Ramazan. Will Habib manage to persuade him to return to their village?

THE BARREL

Luis ha 13 anni e vive in un villaggio galleggiante nel lago di Maracaibo, una delle principali riserve di petrolio in Venezuela. Ciò che vuole, più di ogni altra cosa, è un barile di petrolio in modo che possa costruire una barca e fare una gara che lo vedrà accettato dai ragazzi più grandi. In questo cortometraggio, attraverso gli occhi di un bambino, possiamo osservare la vita nel villaggio galleggiante e il divertimento nel costruire una barca per prendere parte alla gara; ma quali sono le sfide che implica crescere in quel villaggio?

regia Anabel rodrìguez rios | produzione Sepp r. Brudermann paese venezuela | lingua Spagnolo | sottotitoli Italiano | durata 11’ THE BARREL Luis is 13 and lives on a floating village in the middle of the Maracaibo Lake, one of the main oil reserves in Venezuela. What he wants, more than anything, is a used oil barrel so he can make a boat and enter a race that will see him accepted by the older kids. We see life in the floating village through a child’s eyes – the fun of building a boat to take part in a race – but what are the challenges of growing up there?

GODKA CIRKA

La giovane Alifa guarda in alto il cielo somalo, pensa alla sua vita da pastorella .Pensa alla sua mamma,anche lei pastorella, alla zia che l'ha cresciuta e alla nonna che spera di rivedere. Sa però che il giorno che cambierà finalmente la sua vita è vicino. Questo corto cerca di evidenziare la realtà delle donne somale, le loro condizioni di vita accanto alla particolare situazione di pastorella, il tutto raccontato dal punto di vista della piccola Alifa. Regia: ANTONIO TIBALDI & ALEX LORA Produzione: FRANCIS MEAD Paese: SOMALIA, ITALIA, SPAGNA, USA Lingua: SOMALO Sottotitoli: INGLESE Durata: 10' Musiche: LAMAR DAUGHMA

GODKA CIRKA Young Alifa looks up at the Somali sky. She thinks about her daily life as a shepherdess. She knows that the day that will change her life forever is about to come.

NERUA GUGGENHEIM BILBAO, A JOURNEY TO THE ESSENCE

NERUA GUGGENHEIM BILBAO, A JOURNEY TO THE ESSENCE è un lavoro che riassume la radice e i dettagli del progetto dello chef del ristorante Nerua del Museo Guggenheim di Bilbao. E’ una proposta che va oltre la gastronomia,è una sorta di visione personale sul suo modo di concepire la cucina e del suo rapporto con l'ambiente circostante. Alija, fedele al suo amore nella condivisione di esperienze e conoscenze del suo ristorante, lancia questa idea con Iván Miñambres,regista del film . Un tour che mostra la sua visione della gastronomia, dei prodotti, dell'ambiente, i loro processi creativi, le metodologie di ricerca,i modelli di relazioni con i fornitori, i codici dei clienti… in breve ci racconta come è creata e vissuta la passione nel soddisfare i clienti nel Nerua. Regia: Iván Miñambres Produzione: UniKo - Ixo Producciones Paese: Spagna Anno: 2014 Lingua: spagnolo Sottotitoli: italiano Durata: 17’ Musiche: Gari

NERUA GUGGENHEIM BILBAO, A JOURNEY TO THE ESSENCE A documentary film that goes beyond gastronomy, this documentary picks up on the roots and details of this chef's project at Nerua, the restaurant at the Guggenheim Museum Bilbao. It's a personal vision of his understanding of cuisine and its relationship with its surroundings. It's a journey that uncovers his vision of gastronomy, ingredients, the surroundings, his process, Research methodology,supplier relationship models,codes for guest relationship, etc. In short, it's how the passion for making people enjoy themselves is created and lived at Nerua.

3 ACRES IN DETROIT

Donnie e Fred non sanno nulla riguardo l'agricoltura urbana fino a quando non acquistano un appezzamento di terreno. Questo bellissimo ritratto esamina due improbabili personaggi, che tentano di far diventare uno dei più abbandonati terreni di Detroit in una bella serra a tre livelli. Armati di utensili e spiriti implacabili, i due piantano i semi del cambiamento nel tentativo di far rinascere Detroit. Regia: Nora Mandray Produzione: Nora Mandray, Helene Bienvenu Lingua: inglese Sottotitoli: italiano Durata: 12’

3 ACRES IN DETROIT Donnie and Fred knew nothing about urban farming when they picked up shovels and adopted a plot of land. This strikingly beautiful portrait looks at two unlikely characters as they endeavour to turn one of Detroit’s many abandoned properties into a three-level greenhouse. Armed with hand tools and relentless spirits, they plant the seeds of change in an effort to take back Detroit .

Caballeros del cafè

CABALLEROS DEL CAFE’

"Una tazza di caffè nel vostro paese costa quanto una libbra qui." Con questa frase Ivan, un colombiano agricoltore di caffè, apre il documentario Caballeros del caffè. La crisi del caffè in Colombia è in pieno svolgimento: gli agricoltori sono a malapena pagati per i chicchi di caffè e hanno difficoltà a sopravvivere. In questo documentario vengono rappresentati due simpatici agricoltori sulle montagne della Colombia mentre raccontano la loro storia tanto onesta quanto è lungo il giorno. Con certo umorismo, loro guardano indietro a come funziona l’industria del caffè. Mentre raccolgono e asciugano il prezioso oro nero, ci raccontano i loro sogni e la loro realtà quotidiana.

CABALLEROS DEL CAFE’ Regia: Fleur Launspach Produzione: Fleur Launspach Paese: Paesi Bassi Anno: 2013 Lingua: spagnolo Sottotitoli: inglese Durata:15’ CABALLEROS DEL CAFE’ ‘One cup of coffee in your country costs the same as a pound down here.' With that phrase Ivan, a Colombian coffee farmer, opens the documentary Caballeros del Cafe. The coffee crisis in Colombia is in full swing: farmers barely get paid for there coffee beans and have trouble to survive. Two sympathetic farmers in the mountains of Colombia are being portrayed in this documentary while they tell their story as honest as the day is long. Larded with humor, they look back at how it used to be in the coffee industry. While they are picking and drying there precious black gold, they tell us about their dreams and daily reality.